Un uomo su una bicicletta a Lovanio - banner image

Cosa succede quando si uniscono un'università che vanta 600 anni di storia, un'atmosfera vivace, bellissimi giardini e opere d'arte uniche? Vieni a Lovanio e lo scoprirai. Con il suo iconico municipio gotico, l'inebriante storia del birrificio Stella Artois e le deliziose pietanze locali, Lovanio saprà conquistarti in ogni momento della tua visita. Goditi 48 ore a Lovanio, una città spettacolare tutta da scoprire.

Primo giorno

Campane, libri, insetti e altre stramberie

Ti basterà trascorrere poco tempo a Lovanio per accorgerti della sua atmosfera allegra e positiva. Avvicinandoti al centro cittadino percorrendo Bondgenotenlaan, noterai immediatamente l'aria rilassata degli studenti che pedalano lungo le strade, chiacchierano nei caffè e vivono la loro quotidianità.

L'atomo gigante di Bruxelles (l'Atomium) e l'enorme diamante che splende nella punta del porto di Anversa (la Port House) potrebbero fare pensare che tutte le città delle Fiandre abbiano un debole per le stranezze in fatto di design. Lovanio non fa eccezione. L'esempio più lampante si trova in piazza Monseigneur Ladeuzeplein. In collaborazione con KU Leuven (l'Università di Lovanio) e la città di Lovanio stessa, l'artista Jan Fabre ha creato il Totem.

Su questo ago alto 23 metri è infilzato un insetto gigante: semplicemente surreale. Specialmente se lo si osserva con la biblioteca universitaria in stile neoclassico sullo sfondo. Allo stesso tempo, quest'installazione rappresenta alla perfezione lo spirito della città di Lovanio.

La Piazza 'Monseigneur Ladeuzeplein' - Lovanio

La biblioteca universitaria e la torre campanaria sono tappe irrinunciabili. L'esposizione ai piani inferiori dell'edificio mostra il meglio e il peggio dell'umanità, raccontando come la biblioteca fu trattata dagli invasori nel corso delle due guerre mondiali e come venne recuperata attraverso l'intervento di vari istituti di beneficenza. La sala di lettura è una vera gemma, la cui atmosfera è tuttavia in netto contrasto con quella del resto della città. Le campane presenti nella torre suonano ogni ora e, con un po' di fortuna, riuscirai anche ad assistere a uno dei concerti di carillon. Il terrazzo del piano superiore offre una vista spettacolare sulla città, nonché un punto perfetto dal quale osservare il brulicante mercato che anima la piazza tutti i venerdì.

Da qui, basta una breve camminata per raggiungere l'M-Museum. Ex raccolta delle curiosità, questo museo si è negli anni trasformato in un'eccellente collezione di opere d'arte, che ospita in prevalenza manufatti provenienti da Lovanio e dalla regione fiamminga del Brabante. I capolavori di maestri fiamminghi del calibro di Jan Rombouts I e Josse van der Baren sono esposti accanto a sculture, dipinti e oggetti di uso quotidiano più contemporanei.

Biblioteca universitaria di Lovanio (c) Turismo Lovanio (Toerisme Leuven)

Il Grote Markt (Grand Place)

Nota come Grote Markt, la piazza principale di Lovanio è dominata da due imponenti edifici. Il primo corrisponde alla collegiata di San Pietro, eretta oltre mille anni fa. La chiesa misura più di 91 metri di lunghezza e rappresenta uno splendido esempio dell'architettura tardogotica fiamminga. La collegiata di San Pietro accoglie inoltre una vasta selezione di capolavori: L'ultima cena e il Martirio di Sant'Erasmo di Dirk Bouts, la Madonna col Bambino di Nicolaas De Bruyne, usata come simbolo della KU Leuven e, forse l'opera più mirabile, il pulpito in quercia che raffigura, a dimensione naturale, la caduta da cavallo di San Norberto di Xanten.

Palazzo comunale (Het Stadhuis) di Lovanio

Dall'altro lato della piazza, lo Stadhuis o Palazzo comunale è l'orgoglio di Lovanio. Le facciate esterne, riccamente ornate, presentano dettagli simili a pizzo, oltre a 236 statue che rappresentano una sorta di "Hall of Fame" della città. Potrai ascoltare molte storie su queste sculture durante una visita guidata, che ti permetterà di ammirare anche le sculture di Constantin Meunier e Jef Lambeaux.

Close up di Palazzo comunale (Het Stadhuis) di Lovanio

L'Università di Lovanio

La più grande università del Belgio, la Katholieke Universiteit Leuven (KU Leuven) costituisce il vero pilastro sul quale poggia la città di Lovanio: tutto, dall'ospedale ai musei, è collegato a questa realtà. La cosa non sorprende, dato che la sua nascita risale al 1425. Con una storia simile, non è difficile comprendere come mai offra una tale varietà di tesori architettonici e artistici. Il tempo è tiranno, quindi ti consigliamo di visitare l'aula principale dell'università. Un tempo utilizzata come mercato per la vendita di tessuti, oggi è la sede di alcuni piccoli musei e di un bar accogliente. È un luogo affascinante nel quale rilassarsi sorseggiando un caffè mentre si osserva il trambusto della vita studentesca.

L'aula principale dell'università di Lovanio (c) Turismo Lovanio (Toerisme Leuven)

Se lo stomaco inizia a brontolare, ci sono ottimi ristoranti nelle vicinanze: EssenCiel serve pietanze fresche, autentiche e innovative sotto la guida dello chef Niel Brants, membro del gruppo Flanders Kitchen Rebels. I piatti genuini che popolano il menu del Domus si accompagnano meravigliosamente con le birre di produzione propria. Se vuoi gustare il vero spirito di Lovanio, De Werf incorpora la natura ribelle della città tanto nel menu e quanto nell'arredamento. Questo locale propone pasti genuini ed è molto amato dagli studenti. L'ampia terrazza contribuisce a creare un'atmosfera gioviale e rilassante.

La Piazza 'Il Grote Markt' (Grand Place) di Lovanio - iStock

Da qui, con pochi passi si raggiunge la chiesa di San Michele. Originariamente luogo di culto della comunità gesuita di Lovanio, la fastosa facciata di questa chiesa, tanto bella da far pensare che ci sia un altare al di fuori della chiesa, è una delle visioni più ammalianti della città. All'interno, le iconiche colonne in arenaria bianca salgono verso un bellissimo tetto a cupola che risplende quando è colpito dal sole.

Chiesa di San Michele (Sint-Michielskerk) - Lovanio

Park Abbey e PARCUM

È arrivato il momento di allontanarsi dal centro cittadino per dirigersi verso Park Abbey (dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 17.00). Un tempo una delle più importanti abbazie del Belgio, oggi costituisce l'esemplare meglio preservato del Paese. Questo posto è l'ideale per chi ha voglia di un po' di pace e tranquillità, ma se hai intenzione di visitarne le attrazioni, ti consigliamo di controllare gli orari di apertura. Puoi andare in bicicletta, fare jogging o camminare tra i numerosi stagni del parco a qualsiasi orario e non dimenticare di passare dalla fattoria per provare qualche prodotto fresco o di visitare la Casa della Polifonia per ascoltare dei canti gregoriani e conoscere le ultime teorie sullo studio della musica.

Ti suggeriamo inoltre di visitare la chiesa di San Giovanni Evangelista (venerdì e domenica, dalle 13.30 alle 16.30). Questa chiesa risalente al 1129 vanta una bellezza caratterizzata da una decorazione sobria. Se hai voglia di ammirare tesori artistici e iconografia religiosa dal mondo di monaci, suore, anacoreti ed eremiti, c'è solo un posto in cui andare: PARCUM (dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 17.00). Recentemente ristrutturato, ospita una spettacolare collezione di manufatti che mostrano l'intersezione tra religione, arte e cultura. Sebbene gli oggetti esposti abbiano centinaia di anni, possono raccontarci molto sullo stato della religione e della società di oggi.

Abbazia 'Park Abbey' di Leuven (Abdij van Park - Heverlee ) (c) KU Leuven

Divertimento serale

Che cosa fai se ti trovi in una città studentesca internazionale, in un paese noto per produrre centinaia di tipi di birra? Ti consigliamo di dirigerti verso Oude Markt. La piazza, anche definita "il bar più lungo d'Europa", è capace di accontentare qualsiasi palato. Grazie alla sua atmosfera piacevole, allegra e rilassata, ti sentirai subito a tuo agio. Le possibilità sono talmente tante che si non si sa da dove cominciare… Prova De Rector, che prende il nome dal rettore dell'università, Den Brosser, ottimo per chiacchierare sorseggiando un drink, il Café Belge, sempre molto frequentato o De Bierkelder, dove potrai sempre assaggiare nuove birre. E una volta che le avrai provate tutte, ti rimarranno ancora molte altre opzioni da scoprire.

La Piazza 'Oude Markt' - Lovanio

Secondo giorno

Una mattinata tranquilla

Le Fiandre sono celebri per i beghinaggi: comunità chiuse nelle quali le donne non sposate o vedove che non volevano diventare suore potevano continuare a lavorare e contribuire alla società. Con 300 abitazioni sparse su 7,5 acri, il grande beghinaggio di Lovanio rappresenta uno degli esempi più estesi, e probabilmente il più incantevole, di queste realtà. Le case sono costruite lungo una serie di viuzze e piccole piazze, creando una sorta di villaggio indipendente. I ponti che attraversano ripetutamente il fiume Dyle e l'altezza degli edifici conferiscono un'aria fiabesca a questo luogo. Non dimenticare di visitare la chiesa gotica, con le sue splendide vetrate colorate e il mini-carillon che suona una melodia beghina ogni mezz’ora.

Grande beghinaggio di Lovanio (Het Groot Begijnhof)

Pausa pranzo

Seguendo il fiume Dyle verso nord, raggiungerai il Dijlepark. Questo fotogenico parco interno alla città non è solo affascinante, è anche romantico. Il ponticello è adorabile, la vegetazione è tanto variegata quanto pittoresca e l'atmosfera tranquilla è perfetta per rilassarsi o fare un picnic.

L'orto botanico è quanto di più diverso esista dal parco. Nati nel lontano 1738, sono i giardini di questo genere più antichi del Belgio e ospitano una collezione di piante incredibilmente ampia, un'enorme serra da esplorare, innumerevoli statue e opere d'arte nonché un'incredibile esplosione di colori.

Se hai resistito alla tentazione di fare un picnic, il posto migliore per godersi il pranzo è senza dubbio Improvisio. E non solo per il cibo: questo ristorante sorge nel cortile di un ospedale del XVIII secolo. È una tappa meravigliosamente rilassante da fare prima di visitare l'intrigante museo HistarUZ. Attraverso foto, strumenti, sedi autentiche ed esempi tratti dai testi di un tempo, questo museo dell'ospedale racconta migliaia di storie, mostra l'evoluzione del mondo medico e offre un interessante spaccato sul funzionamento degli ospedali dal 1850 a poco dopo il secondo dopoguerra.

L'orto botanico di Lovanio (c) Layla Aerts

Un pomeriggio con Stella Artois

Una delle cose più belle che si possono fare a Lovanio è passeggiare lungo le sue strade. Potrai ammirare architetture straordinarie, vecchie e nuove e, con un pizzico di fortuna, scoprirai bizzarre gallerie d'arte e botteghe d'antiquariato dal sapore magico che ti faranno innamorare di Lovanio. Tuttavia, non devi lasciare la città senza aver prima esplorato il quartiere settentrionale e, più precisamente, il birrificio Stella Artois. Partecipando a un tour scoprirai la storia di questa famosissima fabbrica di birra nata nel 1366, visiterai lo stabilimento di imbottigliamento e vedrai che cosa succede quando sei secoli di tradizione nella produzione di birra artigianale si fondono con le tecnologie più recenti. Naturalmente, la birra va assaggiata e per fortuna ogni tour si conclude con un bicchiere di Stella Artois appena spinata. Salute!

Nota: i biglietti non sono sempre disponibili presso il birrificio. Ti suggeriamo di acquistarli online con un certo anticipo.

Birrificio Stella Artois (c) Turismo Lovanio (Toerisme Leuven)

Hai appena trascorso 48 ore a Lovanio, ma c'è ancora molto altro da vedere. Che tu abbia voglia di passeggiare sbirciando le vetrine dei negozi, di bere qualcosa su una bella terrazza o di perderti nelle strade antiche di Lovanio, questa città ti offrirà sempre un'atmosfera unica da respirare ancora e ancora.

Back to top