Cimitero e memoriale Tyne Cot - ©Milo-Profi
Il 4 agosto 1914, l'esercito tedesco invase il Belgio. I tedeschi chiesero al re Albert di concedere loro il libero passaggio attraverso il paese, in modo da poter attaccare i francesi alle spalle e sconfiggerli. Il re rifiutò e il famoso piano Schlieffen fu ideato per imporre con la forza il piano militare della Germania. Il 12 agosto 1914 a Halen (nella provincia di Limburgo) gli Ulani tedeschi (cavalleria leggera e armata di lance) cercarono di imporre la loro forza a spada tratta.

Verso i Flanders Fields

Truppe tedesche ad Anversa

L'avanzata tedesca si dimostrò più lenta rispetto a quanto precedentemente auspicato dall'alto comando tedesco. In diversi luoghi, i tedeschi credettero di essere attaccati  da "civili". Le divise militari spesso incomplete della Guardia Civile rendevano infatti difficile riconoscere chi fossero i soldati e chi la gente del luogo. Un gran numero di civili fu giustiziato in rappresaglia a Dinant, Aarschot e Lovanio.

A Lovanio (Leuven) circa 2.000 case furono bruciate insieme con la splendida biblioteca universitaria. La fortezza di Anversa cadde nell'ottobre del 1914. Dopo la sua caduta, le truppe ormai sfinite dell'esercito belga si ritirarono dietro la linea del Fiume Yzer.

La prima battaglia di Ypres (19 ottobre - 22 novembre 1914)

Esondazione dell'Yzer

L'esercito belga bloccò l'attacco tedesco inondando la pianura d'Yser (27 - 29 ottobre 1914). A sud, gli inglesi e i francesi lottavano con grande determinazione per evitare l'accesso ai tedeschi a Ypres. Quando la battaglia terminò i tedeschi avevano occupato l'altura che sovrastava la città. Entrambi gli eserciti scavarono trincee creando così la famosa area di Ypres Salient.

Per saperne di più sulla prima battaglia di Ypres.

La seconda battaglia di Ypres (22 aprile - 25 maggio)

Ypres - attacco con il gas

Nella primavera del 1915 i tedeschi si lanciarono in un nuovo tentativo per conquistare Ypres. Presero Hill 60 e il 22 aprile 1915 ricorsero al gas di cloro per la prima volta nella storia della guerra moderna. Il risultato era morte, panico e sorpresa totale. Gli Alleati furono costretti a ritirarsi per diversi chilometri, ma non vi fu alcuno sfondamento da parte dei tedeschi.

Nel mese di settembre, furono i tedeschi ad essere sorpresi, quando gli inglesi usarono il gas a loro volta nell'attacco di Loos.

Per saperne di più sulla seconda battaglia di Ypres.

La terza battaglia di Ypres (31 luglio - 10 novembre 1917)

Campo di battaglia di Passchendaele

Il 7 giugno, 19 mine furono fatte saltare in aria sotto le linee tedesche, causando esplosioni che era possibile sentire da luoghi lontani come Londra (la battaglia delle mine di Messines). I tedeschi avevano tuttavia costruito un bunker di cemento armato, difeso con  mitragliatrici inattaccabili. La seguente "Battaglia di Passchendaele" fu un disastro totale. In quattro mesi gli inglesi perdettero 400.000 persone tra morti, feriti e dispersi, tutto per guadagnare appena 8 chilometri di territorio.
Nel 1917 i tedeschi utilizzarono per la prima volta il gas mostarda o "iprite" come un "miglioramento" del cloro e del fosgene. Il gas mostarda non solo attaccava le vie respiratorie di chi l'aspirava, ma causava dolorose vesciche cutanee.

Per saperne di più sulla terza battaglia di Ypres.

L'offensiva tedesca di primavera (aprile 1918)

Truppe tedesche in marcia
Nella primavera del 1918, i tedeschi si rafforzarono grazie all'arrivo di nuove divisioni dal Fronte Orientale, dove la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 costrinse la Russia a ritirarsi dalla guerra.
Durante la battaglia di Merkem del 17 aprile 1918, l'esercito belga fronteggiò un forte attacco da parte dei tedeschi. Tuttavia questi ultimi furono costretti a rientrare nelle loro posizioni originali al calare della notte. Durante la battaglia del Monte Kemmel i francesi in particolare furono pericolosamente accerchiati. Il 25 aprile questa collina così strategicamente importante fu presa dai tedeschi e Ypres fu quasi conquistata.

L'offensiva finale (28 settembre - 11 novembre 1918)

Cimitero nella foresta Houthulst

Le riserve tedesche erano ormai esaurite e gli americani iniziarono a raggiungere in gran numero il Fronte Occidentale. In Germania, il fronte principale cominciò a disintegrarsi. Dal 28 settembre fino all'armistizio dell'11 novembre, una serie di offensive da parte degli Alleati respinse i tedeschi fino al Fiume Schelda.

Il 28 settembre 1918, un sabato, l'esercito belga attaccò la roccaforte della Foresta di Houthulst  (Battaglia della Foresta di Houthulst). Quasi ogni unità belga fu coinvolta nell'attacco, il quale fu sostenuto dal Secondo Esercito inglese e da numerose divisioni francesi. Alla fine del primo giorno i belgi erano riusciti a conquistare le linee tedesche su un fronte lungo 18 km e largo 6.

L'armistizio dell'11 novembre 1918

Si celebra l'armistizio
All'inizio del mese di novembre venne firmato un armistizio in un vagone ferroviario nei pressi della cittadina francese di Compiègne. La Prima Guerra Mondiale giunse finalmente al termine alle ore 11 della mattina dell'11 novembre 1918.

La ricostruzione (1919 - 1967)

Torre di Ypres in rovina
Dopo la guerra, la maggior parte dei profughi tornò a casa, ci si sbarazzò delle rovine e i campi di battaglia furono sgomberati. Le vecchie case e i monumenti furono gradualmente ricostruiti uno dopo l'altro. Il Nieuwerck, un prolungamento della Cloth Hall di Ypres, ora utilizzato come parte del municipio, fu completato solo nel 1967.
Back to top