Stili di birra belga ©www.milo-profi.be

La birra viene tradizionalmente prodotta con acqua, orzo e luppolo ma qualche volta viene aggiunto il frumento per conferirle un aroma vivace con sentori di agrumi. Ma è tutto qui?

Produzione di birra

Al mosto che deriva da questa mistura viene poi aggiunta una coltura di lievito per convertire gli zuccheri in anidride carbonica ed alcol. Ogni birrificio ha il proprio ceppo di coltura di lievito, ciascuno con proprietà specifiche che contribuiscono, unitamente alla scelta dei diversi tipi di malto e luppolo, a definire il tipo di birra esclusivo di quel birrificio. Le birre possono fermentare in barili di legno o essere rifermentate in bottiglia.

Il tocco finale

I birrai belgi aggiungono “cereali grezzi” come riso e granoturco per garantire alla birra gusto e stabilità. Un ingrediente molto importante del processo di produzione è, naturalmente, il luppolo che non solo conferisce alla birra il suo grado di amarezza ma aiuta a conservarla. Oltre ai classici luppoli amari, i birrai belgi utilizzano sempre più luppoli aromatici per i loro aromi tipici, spesso fruttati. I produttori di Lambic usano luppoli essiccati invecchiati per la produzione di birre meno amare.
Seguendo l’esempio delle ricette medioevali a base di “gruit”, vengono aggiunte al luppolo diverse erbe e spezie per ottenere un aroma più caratteristico. Il coriandolo e il curaçao (buccia di arancio essiccata) sono spesso usati per aggiungere un tocco agrumato alle birre speciali.

Stili di birra

Le birre e gli stili birrari sono classificati in base al metodo di fermentazione utilizzato. Esistono quattro metodi di fermentazione: bassa, alta, spontanea e mista.
Due stili birrari unici e tipicamente belgi sono le birre a fermentazione spontanea e le birre a fermentazione mista.

Back to top