Cari amici delle Fiandre,

il perdurare della situazione dovuta al COVID-19 impone che anche in Belgio siano in vigore delle misure di contenimento. Puoi trovare le relative informazioni dettagliate sul sito del Governo Federale Belga.
Ti invitiamo inoltre a far riferimento alle direttive italiane: consigliamo di consultare la sezione relativa al Belgio del sito Viaggiare Sicuri (servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina).
Considera infine che è richiesto di compilare il “Passenger Locator Form” prima dell’arrivo in Belgio: verifica online i tempi e le eccezioni.

Un caro saluto da tutti noi di VISITFLANDERS

Edificio 'Tafelrond', Lovanio  (c)Frédéric Van Hoof

La città di Lovanio appare in documenti ufficiali per la prima volta nell'anno 884, quando i vichinghi si insediarono nei pressi di una vecchia fortificazione sul fiume Dijle, chiamato 'Luvanium' in latino o 'Lovön' nella lingua del posto.

Storia di Lovanio

Successivamente l'insediamento divenne la casa dei Conti di Lovanio a cui venne dato il compito di governare sulla parte centrale di quello che oggi è il Belgio. Da quel momento Lovanio divenne un centro politico e commerciale importante e le maggiori fonti di guadagno per la città divennero il commercio di stoffe e di pietre preziose.

Nel XIV secolo la sorte della città subì un cambiamento. Il commercio di stoffe perse d'importanza e Bruxelles rubò il titolo di Capitale del Ducato di Brabante a Lovanio. In segito, nel 1425 venne fondata l'università di Lovanio che rimane ancora oggi uno dei centri universitari più importanti del Belgio e tra i centri di studio cattolici più conosciuti al mondo. Luminari, come l'umanista e teologo del XVI secolo Erasmo da Rotterdam, studiarono e insegnarono in questa università.

Nel 1923, venne creato il birrificio De Hoorn, il luogo di nascita della Stella Artois, che diede un nuovo impulso alla città. Ma ancora oggi è soprattutto l’università a conferire a Lovanio il suo carattere, non solo grazie ai suoi giganteschi edifici, ma anche grazie alle migliaia di giovani che popolano la città ogni anno.

Torna in cima