Cari amici delle Fiandre,

il perdurare della situazione dovuta al COVID-19 impone che anche in Belgio siano in vigore delle misure di contenimento.
Potete trovare le relative informazioni dettagliate  sul sito del governo federale belga.   

Se state programmando un viaggio nelle Fiandre, a Bruxelles o altrove in Belgio per una durata di 48 ore o più, siete tenuti a compilare un “Passenger Locator Form” nelle 48 ore precedenti al vostro arrivo in Belgio.

Siete altresì pregati di far riferimento ai vostri rispettivi tour operator e alle direttive italiane. Consigliamo di consultare anche la sezione relativa al Belgio del sito Viaggiare Sicuri (servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina).

Un caro saluto da tutti noi di VISITFLANDERS

Ostenda Voor Anker ©Pit De Jonge

Ostenda è la città più grande della zona costiera delle Fiandre e deve le sue origini a un piccolo villaggio costruito sull'isola di Testerep.

Regina delle località di villeggiatura marittima del Belgio

Nel 1265 il villaggio guadagnò lo stato di città in seguito al permesso concesso ai cittadini di costruire un proprio mercato. Ovviamente la fonte di sostentamento maggiore per chi abitava a Ostenda era la pesca. Nel 1395 per rendere gli insediamenti più sicuri si decise di costruire una nuova Ostenda utilizzando grandi argini, lontano dal mare, considerato una fonte di minaccia.

Nel 1722 gli olandesi chiusero l'ingresso al porto di Anversa e Ostenda ne guadagnò in termini d’importanza. Nel 1838 venne costruito un collegamento ferroviario con Bruxelles. Qualche anno dopo la città divenne il primo punto di transito per l'Inghilterra quando iniziò il servizio traghetti per Dover. Ostenda continuò ad aumentare la sua rilevanza sotto il regno di Re Leopoldo I e di Leopoldo II che amavano passare qui le loro vacanze. La famiglia reale costruì edifici e ville famose e ben presto altri aristocratici belgi seguirono l'esempio e Ostenda guadagnò il titolo di "Regina delle località di villeggiatura marittima del Belgio".

Torna in cima