Castelli e giardini

Kasteel Gaasbeek
Sontuosi palazzi, solide fortezze, castelli e dimore storiche. Lungo corsi d’acqua fiamminghi, affacciati su riserve naturali o a guardia di centri cittadini. Le numerose tenute storiche nelle Fiandre non passano certo inosservate. Colme di storia e aneddoti, su nobili dinastie, luoghi storici e fiorenti comunità. Ogni visita è unica e stimola la fantasia. In più, molti castelli hanno meravigliosi giardini in cui perdersi dolcemente.

I castelli sulla Schelda

Poche regioni possono vantare una simile densità di tenute storiche come le Fiandre. Facilmente raggiungibili dalle città fiamminghe attraverso una fitta rete di percorsi pedonali e ciclabili che costeggiano o attraversano i terreni delle stesse tenute. 

Un esempio è il Gravensteen a Gent, punto di partenza per scoprire la valle della Schelda e ammirare i castelli che si ergono lungo il corso del fiume. Una rete unica tra Gent e Anversa.  

Gravensteen Ghent

Ispirazione per i nostri Maestri Fiamminghi

I castelli e i loro fiabeschi dintorni stimolano l’immaginazione. Oggi come secoli fa. L’ambiente circostante e lo spirito del tempo ispirarono i loro abitanti, i visitatori ed anche i nostri Maestri Fiamminghi. Oltre i fossati, dietro le spesse mura, nelle eleganti camere o nelle buie segrete, si celano un’infinità di gioielli artistici. Fungevano infatti da serre ideali per far crescere e fiorire le arti.   

  • Nel XV secolo, il ricco commerciante Joos Vijd e sua moglie Elisabeth Borluut erano gli influenti proprietari e residenti del Castello di Cortewalle, nel cuore di Beveren, tra Gent e Anversa. Furono loro i committenti dell’Agnello Mistico, il famoso dipinto dei fratelli Van Eyck. Un tempo il castello originale era visibile sul polittico, ma purtroppo sparì durante uno dei restauri.  
     
  • Il castello di Arenberg, a Lovanio, è oggi proprietà dell’Università Cattolica di Lovanio e ospita una preziosa collezione d’arte della famiglia Arenberg, che vanta, tra l’altro, un’opera del ritrattista di Anversa Antoon van Dijck. Il suo maestro? Pieter Paul Rubens.  
     
  • La storia del castello di Bornem risale a oltre 1000 anni addietro. L’attuale proprietario, il conte John II de Marnix de Sainte Aldegonde apre il castello al pubblico. Vi si possono ammirare dipinti storici, soffitti riccamente affrescati e una collezione unica di incisioni del maestro fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. 
Bornem castle

Esperienze uniche in castello

Diversi castelli fiamminghi offrono la possibilità di vivere esperienze uniche, come trascorrere la notte in un castello o in una rimessa per le carrozze. O in una tenda su un albero, con una splendida vista sul parco che circonda il castello. E perché non banchettare una volta nelle mura di un castello o magari nei giardini? Vivi il castello. Respira l’atmosfera. Lasciati ammaliare dallo spirito del luogo e dall’ineffabile essenza di una locazione davvero speciale.

  • Nel castello d’Ursel in Hingene è possibile dormire per una notte nell’antico atelier d’artista della duchessa d’Ursel. Poco oltre è possibile accedere alla loro residenza estiva, il Paviljoen De Notelaer dove puoi gustare la famosa torta Notelaere. Durante i mesi estivi è possibile pernottare sugli alberi della meravigliosa tenuta, per un’esperienza unica!
     
  • Il castello di Ordingen è una dimora estiva del XIX secolo che ospita un hotel di segmento alto. Insignito delle ambite cinque stelle, è solo il quarto hotel delle Fiandre che può vantarle.
     
  • A un tiro di schioppo da Gent si erge l’elegante e solido castello Ooidonk. Una favolosa oasi di quiete. È possibile pernottare in una delle lussuose camere per gli ospiti. Sarai accolto dal conte in persona e potrai pernottare in una delle lussuose camere per gli ospiti.
The Castle of Ordingen

Natura sovrana

La maggior parte dei castelli fiamminghi si estende in un ambiente rurale e boschivo, spesso circondati da un parco. Alcuni aprono letteralmente le porte su una stupenda riserva naturale. O magari, il castello si erge al centro di un raffinato giardino botanico. Molti castelli aprono i loro giardini in occasione di apposite giornate per celebrarne lo splendore floreale.  

  • Il Giardino botanico di Meise è un ampio parco appena fuori Bruxelles. Al centro dei suoi 92 ettari e delle oltre 18.000 varietà di piante e alberi da tutto il mondo si erge il castello medioevale di Bouchot. Oltre alle esposizioni che ospita, il castello vanta una terrazza da cui si può godere di una meravigliosa vista sul paesaggio circostante. Per non parlare del giardino del castello, una versione contemporanea del classico giardino alla francese.
     
  • Il Landcommanderij Alden Biesen si estende al centro della splendida Haspengouw ondulato. Fu fondato otto secoli fa dai cavalieri dell’Ordine tedesco, un ordine religioso di cavalieri armati che si accudivano i pellegrini in viaggio verso la Terra Santa. In seguito, divenne luogo di incontro di nobili e diplomatici. Oggi, Alden Biesen è uno dei più grandi complessi di castelli con edifici storici, stupendi parchi, giardini e frutteti.
     
  • Ogni anno il castello di Groot-Bijgaarden apre le porte per la manifestazione Floralia Brussel. Oltre un milione di bulbi di ben 400 varietà vengono piantati a mano per l’esposizione floreale all’aperto. 
Botanic Garden Meise Kasteel van Bouchout ©Plantentuin Meise

Le Fiandre, naturalmente

Dai 67 km di costa sabbiosa lungo il Mare del Nord, con lo Zwin vero paradiso per gli uccelli migratori, attraverso l’estesa Brughiera di Kalmthout nei pressi di Anversa, lungo il Parco nazionale Hoge Kempen in Limburgo, passando per il paesaggio desertico del Sahara di Lommel, fino alle aree protette dall’UNESCO dell’antichissima Foresta di Zoniën, appena fuori Bruxelles. E tanto altro ancora nel mezzo.

Nationaal_Park_Hoge_Kempen © Peter Baas