The Virgin and Child with Canon Joris Van der Paele (c)www.lukasweb.be -Art in Flanders vzw photo Hugo Maertens

Gent e Bruges distano solo 40 km l'una dall'altra e sono quindi la combo perfetta per una visita nelle Fiandre.  Non solo per la loro vicinanza. Come mai dunque? E perché proprio nel 2020? Te lo raccontano sei blogger appena rientrati da un viaggio di 3 giorni sulle orme di...

Caterina: "Il 2020, l'anno di Van Eyck"

Il 2020 è l’anno perfetto per visitare le Fiandre e immergersi nell’atmosfera romantica e magica di Bruges e Gent.

Queste due città fiamminghe sono ricche di musei e di opere d’arte ma nel 2020 risplenderanno ancor di più grazie ai capolavori di Jan van Eyck, uno dei Maestri Fiamminghi più conosciuti e apprezzati al mondo.
Con il progetto "OMG! Van Eyck was here" a Gent e un 2020 dedicato a questo artista, si conclude un percorso durato tre anni e tutto dedicato ai Maestri Fiamminghi, celebrando in ottobre il ritorno nella Cattedrale di San Bavone-Sint-Baafs dei pannelli del “Polittico dell’Agnello Mistico” di Van Eyck, dopo un lungo restauro.
Questo ritorno sarà accompagnato da tanti eventi in programma durante tutto l'anno: dalla mostra "Van Eyck. An Optical Revolution" presso l'MSK Museum di Gent alla mostra "Jan van Eyck in Bruges" presso il Groeninge Museum di Bruges.

Questi sono solo due dei tanti appuntamenti ma il programma è ricco e, quindi, per chi è alla ricerca di un’idea per una vacanza d’arte e cultura le Fiandre sono la risposta!

Leggi il reportage di viaggio di Caterina su Theartpostblog.com

 

Gent

Laura e Valentina: "La sindrome di Stendhal"

Van Eyck al museo MSK di Gent

Un viaggio nelle Fiandre è innanzitutto un tuffo nel passato più glorioso di questa terra che ha visto fiorire le arti, i commerci e la cultura a cavallo tra il 1400 e il 1500. Era il Rinascimento Fiammingo, l’età dell’oro, l'epoca dei grandi maestri pittorici come Jan van Eyck o Hans Memling.
Passeggiando nelle strade di Bruges o di Gent come abbiamo fatto durante il nostro tour, sembra quasi di rivivere quell'epoca di splendore perché tutto è rimasto intatto. I canali, le facciate policrome degli edifici, i viali ciottolati, gli scorci pieni di poesia sui tanti ponti che caratterizzano le due città.
Non serve essere esperti di arte fiamminga per poter apprezzare la bellezza dei capolavori di Jan van Eyck, il protagonista di eccezionali eventi nel 2020. Osservando le sue opere scoprirete la nitidezza della pittura ad olio, di cui è stato il precursore, l’attenzione al dettaglio, l'uso sapiente della luce e delle prospettive, la brillantezza dei colori. E chissà che, ammirando il Polittico dell'Agnello Mistico, suo massimo capolavoro, che tornerà presto nella sua sede originaria, la Cattedrale di San Bavone-Sint-Baafs a Gent, non vi colga quel piacevole stordimento chiamato sindrome di Stendhal...

Leggi il reportage di viaggio di Laura e Valentina su Sorellesumarte.it

Giulia: "Le Fiandre sono un luogo che senti vicino al cuore"

Da storica dell’arte, non immaginavo le Fiandre così. Una terra magica, come nelle favole, che si è fermata nel tempo pur essendo arrivata ai giorni nostri. Questi luoghi, che hanno dato i natali a dei grandi Maestri che hanno segnato indelebilmente la storia dell’arte, hanno la capacità di stupire ed ammaliare per la loro viva storia che si respira ed impregna strade, case, monumenti e persone.
Sono entrata in contatto con la grandezza di Jan van Eyck, dinnanzi al suo immenso e maestoso Polittico, stupendomi ed emozionandomi per come egli, uomo di 580 anni fa, abbia saputo rendere tecnicamente e vividamente ciò che vedeva, che sentiva, che viveva. Solo trovandomi dinnanzi alla sua pittura, brillante e senza pari, ho realizzato quanto sia stato fondamentale ed essenziale per l’arte dei tempi a venire. Un Artista che non ha fatto altro che celebrare il suo tempo, nel modo che conosceva e con i mezzi che aveva, e che ha reso grandissima la sua terra.

Le Fiandre sono un luogo in cui credi. Sono un luogo che senti vicino al cuore perché sono il cuore di un'arte che si è espansa ed ha contaminato il mondo con la sua bellezza.

Leggi il reportage di viaggio di Giulia su Progetto Storia dell'Arte

Elisa e Luca: "il nostro consiglio è..."

Bruges
La nostra esperienza nelle Fiandre sulle orme di Van Eyck è stata davvero indimenticabile. 
Siamo stati più volte sia a Bruges che a Gent ed ogni volta ci innamoriamo sempre di più di queste due splendide città. 
Questa volta però l’occasione era diversa: conoscere l’arte dei Maestri Fiamminghi. 
Il 2020 grazie a Van Eyck sarà il momento perfetto per visitare le Fiandre e avere l’opportunità di ammirare da vicino la sua opera più importante, il Polittico. 
Il nostro consiglio è di visitare Gent e Bruges soggiornando almeno una notte in ciascuna delle due città. Gent è chiamata la città delle luci e lo si capisce appena si arriva nel suo centro storico dopo il calar del sole; a Bruges la maggior parte dei visitatori se ne va prima del tramonto, il momento in cui la città dà il meglio di sé. Un consiglio: andate ad ammirarlo da piazza Van Eyck non ve ne pentirete! 
 
Per informazioni sul programma 2020 visita Flemishmasters.com
Back to top