Cari amici delle Fiandre,

il perdurare della situazione dovuta al COVID-19 impone che anche in Belgio siano in vigore delle misure di contenimento.
Potete trovare le relative informazioni dettagliate  sul sito del governo federale belga.   

Se state programmando un viaggio nelle Fiandre, a Bruxelles o altrove in Belgio per una durata di 48 ore o più, siete tenuti a compilare un “Passenger Locator Form” nelle 48 ore precedenti al vostro arrivo in Belgio.

Siete altresì pregati di far riferimento ai vostri rispettivi tour operator e alle direttive italiane. Consigliamo di consultare anche la sezione relativa al Belgio del sito Viaggiare Sicuri (servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina).

Un caro saluto da tutti noi di VISITFLANDERS

Beaufort - Middelkerke - Simon Dybbroe Moller - (c) Jimmy Kets

Le Fiandre sono e sono sempre state una regione d’arte e lo saranno ancora per molto tempo. Oggi, infatti, le nuove generazioni di artisti contemporanei fiamminghi continuano a creare sulle basi di un'antica tradizione artistica, un ricco patrimonio culturale che è ispirazione anche per gli artisti internazionali. Gli splendidi festival d’arte all'aperto che stanno per inaugurare sono la prova inconfutabile di questo spirito creativo.

La storia mondiale dell’arte non sarebbe la stessa senza le Fiandre. Secoli fa, maestri fiamminghi come Jan van Eyck, Pieter Bruegel and Pieter Paul Rubens furono veri e propri riferimenti assoluti nel mondo dell'arte. Da allora, innumerevoli generazioni di loro successori ne hanno seguito le orme. Con nomi di spicco come Luc Tuymans, Michaël Borremans e Jan Fabre, le Fiandre continuano a svolgere un ruolo chiave nel mondo dell’arte. Ma c’è di più. Un vivace insieme di musei e gallerie custodiscono amorevolmente questa immensa ricchezza. E così anche i festival d’arte, che nei prossimi mesi faranno vibrare di nuovo le Fiandre. Qualche esempio?

1. La Triennale di Bruges

Patrimonio secolare e arte contemporanea d’avanguardia vanno a braccetto. L’incantevole Bruges ne è la prova vivente e palpitante. Il centro storico della città, patrimonio mondiale dell’UNESCO, fa da splendido scenario alla Triennale di Bruges, che porta in città l’arte contemporanea ed itinerari architettonici.

Dal 2015, la Triennale di Bruges ha ripreso la serie di triennali che era stata avviata nel 1968 e questa festa delle arti visive è tornata a deliziare nuovamente il pubblico. Tredici artisti presentano le loro installazioni inedite: tutte ruotano intorno al tema TraumA, un’esplorazione del confine sottile tra sogni e traumi, paradiso e inferno. Il percorso distoglie l’attenzione dallo spazio pubblico per portarla verso dimensioni nascoste della città di Bruges e dei suoi abitanti.

Vagare nel labirinto creato da Gijs Van Vaerenbergh nel Baron Ruzettepark, cercare maschere dai motivi folkloristici lungo i canali (Nadia Naveau), restare stupiti dal meccanismo del tempo che sembra essersi fermato nella chiesa di Santa Walburga (Hans Op de Beeck). Qui le opere dei maestri fiamminghi contemporanei si muovono di pari passo con alcuni dei nomi più interessanti della scena artistica contemporanea internazionale.

La Triennale di Bruges indagherà ed esplorerà tutti i temi di TraumA nel cuore storico della città dall’8 maggio al 24 ottobre.

Bruges Triennial 2021 - TraumA - (c) Jasper van het Groenewoud

2. Beaufort 21

La splendida costa delle Fiandre si estende per 67 chilometri. E la Triennale di Beaufort la rende ancora più affascinante. Ogni tre anni il litorale fa da sfondo a questo evento di arte contemporanea: lungo gli argini, sulle spiagge e tra le dune spuntano emozionanti opere d’arte ispirate al mare e al tema centrale dell'uomo soggetto alla legge della natura. Le opere d’arte rimandano a leggende locali tratte dalla storia sia naturale che umana.

Beaufort è nata nel 2003 ed è più di un semplice evento triennale. Il suo scopo è di lasciare un’impressione artistica permanente: il Beaufort Sculpture Park espone su base permanente 30 opere d’arte delle edizioni precedenti. Dopo l’edizione di quest’anno, a questa collezione si aggiungerà un’altra serie di sculture.

Beaufourt 21, la Triennale di Arte Contemporanea, si affaccerà sul mare per la settima volta dal 27 maggio al 7 novembre.

Beaufort 21 - I Can Hear It - Ivars Drulle - (c) Westtoer

3. Paradise Kortrijk

Kortrijk, sul fiume Leie, è un perfetto connubio tra antico e moderno. La città è ricca di storia e monumenti, con le Torri di Broel come simbolo, il campanile e il beghinaggio del XIII secolo, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Eppure, vanta al tempo stesso una spumeggiante personalità creativa ed è rinomata per l'artigianato, il design di qualità e l'imprenditorialità. Questo ha consentito a Kortrijk di entrare a far parte della Rete delle Città Creative dell’UNESCO.

Da questo contesto unico è nato Paradise Kortrijk. Questo festival d’arte contemporanea invita artisti contemporanei nazionali e internazionali a partecipare e riflettere su temi d’attualità installando opere d’arte in questa dinamica città. In che modo questi artisti vedono e interpretano il sogno utopistico del paradiso? In che modo proverebbero a migliorare la nostra società e il nostro mondo? Cosa possiamo imparare noi, visitatori, dalle loro visioni e intuizioni?

Paradise Kortrijk è un festival dinamico e gratuito d’arte contemporanea aperto a chiunque intenda cogliere l’opportunità di scoprirlo: appassionati d’arte esperti o famiglie con bambini (o entrambi). Paradise Kortrijk: dal 26 giugno al 24 ottobre.

Paradise Kortrijk - Toshiko Horiuchi MAcAdam - (c) Toshiko Horiuchi MacAdam & Charles MacAdam
Le Fiandre vantano un’impressionante ricchezza di arti e tradizioni secolari, ma non si limitano certo a questo. Il fuoco sacro è tutt’altro che estinto. I nostri maestri e la brillante scena artistica contemporanea lo dimostrano ogni giorno, gli imminenti festival d’arte delle Fiandre lo dimostreranno ancora una volta. Ci auguriamo che possiate raggiungere le Fiandre quanto prima per vivere questa creatività di persona e per godervi il meglio dell’arte contemporanea.
Torna in cima