Ypres from above

Le Fiandre vantano un immenso patrimonio di beni culturali e artistici. Nella nostra piccola regione ci sono tesori riconosciuti dall’UNESCO dietro ogni angolo e tante perle meno conosciute. Visitiamo insieme alcuni luoghi emblematici delle città d’arte fiamminghe - Anversa, Bruges, Bruxelles, Gent, Lovanio e Mechelen.

Affascinante patrimonio UNESCO

Era difficile scegliere qualcosa di Bruges da inserire nella lista UNESCO. L’impressionante Piazza del Mercato (il Markt) con le sue facciate storiche, i vicoli e i tortuosi canali medievali, il Belfort, la cattedrale oppure i numerosi capolavori dei Primitivi Fiamminghi... L’elenco è quasi infinito. Ecco perché l’UNESCO ha riconosciuto l’intero centro storico come patrimonio culturale mondiale. Un giro nei vicoli sinuosi di Bruges ti porta da una meraviglia all’altra.

Bruges non è solo il suo meraviglioso centro cittadino, come dimostra lo storico caffè Vlissinghe. Oltre 500 anni di storia ed è ancora sulla breccia: mentre ti ritempri con eccellenti birre e cibo della tradizione, puoi ammirare dipinti, foto e documenti sulle antiche pareti del locale.

Bruges city centre, view on a canal

L’Agnello Mistico e la quarta torre

L’Agnello Mistico dei fratelli Van Eyck rappresenta uno dei più importanti tesori artistici al mondo. L’iconico polittico fu dipinto intorno al 1430 appositamente per una cappella della cattedrale di San Bavone a Gent. Oggi è possibile ammirarlo ancora nello stesso luogo, o almeno alcune parti. Il capolavoro verrà restaurato in diverse fasi fino alla fine del 2019. È possibile seguire dal vivo i lavori nell’atelier a vista del Museo delle Belle Arti (MSK).

A pochi passi dal Museo puoi ammirare un’altra gemma, anche se meno nota, della corona di Gent: la Boekentoren o Torre dei Libri. L’iconico edificio progettato dal pioniere dell’Art Nouveau Henry Van de Velde è utilizzato da anni come biblioteca dell’Università di Gent e ospita oltre tre milioni di libri. Questo gigante moderno è stato descritto come la quarta torre di Gent, in aggiunta al trio storico composto dalla Chiesa di San Nicola, dal Belfort e dalla Cattedrale di San Bavone.

Ghent - het Lam Gods (the Adoration of the Mystic Lamb)

Rubens, Rubens e ancora Rubens

Peter Paul Rubens è uno dei più grandi artisti di tutti i tempi. L’artista di Anversa è il fiore all’occhiello del Barocco, la corrente che continua a plasmare la città. I molti edifici barocchi e i numerosi capolavori evocano il secolo d’oro di Anversa. Non si può sottovalutare l’impatto di Rubens su quell’epoca. Per questo motivo Anversa è orgogliosa di rendere omaggio al maestro. Nella Casa di Rubens, dove l'artista lavorò e abitò negli ultimi anni della sua vita, troverai diverse sue opere, così come all’interno del Museo Plantin-Moretus. I capolavori di Rubens sono esposti anche nella Cattedrale di Nostra Signora –già di per sé un’opera d’arte.

Un luogo meno noto che vanta una collezione straordinaria è la Chiesa di San Paolo. Un tempo chiesa conventuale, questo edificio del XVII secolo ospita meravigliosi altari barocchi, oltre 200 sculture e circa 50 dipinti fra cui capolavori di Rubens, Jacob Jordaens e Anthony Van Dyck.

Antwerp - de Grote Markt (the Market Square)

“Hall of fame” gotica e un bestiario eccezionale

Lovanio è una brillante dimostrazione del fatto che l’architettura gotica può essere spensierata. La facciata del suo iconico municipio, un imponente edificio tardogotico del XV secolo, è decorata da 236 statue di figure importanti della storia di Lovanio, una sorta di “Hall of fame” ante litteram, e da decine di bandiere colorate. Un edificio sicuramente unico nel suo genere.

Ci sono tesori nascosti anche a Lovanio, come l’Istituto zoologico dell’Università Reale di Lovanio (KU Leuven) che conserva più di 5.000 esemplari animali. Un patrimonio che può soddisfare la curiosità naturalistica.

Leuven - City Hall (stadhuis)

Beghine e borgognoni

Un tempo sono stati la dimora di donne che possiamo considerare, probabilmente, le prime femministe. Oggi i beghinaggi fiamminghi rappresentano ancora un luogo di quiete e riflessione e si trovano in quasi tutte le città. A partire dal XII secolo ospitarono le beghine, donne nubili che dedicavano la loro vita a Dio. Mechelen ha un meraviglioso Grande beghinaggio, dal carattere unico e dalla storia travagliata. A metà del XVI secolo, infatti, il beghinaggio originario fu distrutto durante l’Iconoclastia e le beghine si trasferirono in un nuovo quartiere all’interno delle mura cittadine. Chi oltrepassa l’imponente porta di accesso, si ritrova in un mondo silenzioso nel trambusto della città.

Oltre ai beghinaggi, alle chiese e alla cattedrale, a Mechelen ci sono molte ville e residenze signorili. Un bell’esempio è Hof van Busleyden, un maestoso palazzo cittadino del XVI secolo nel cuore della città. In questo luogo storico puoi rivivere la cultura della corte borgognona, fra autentici capolavori di maestri fiamminghi e altri artisti.

Mechelen - Hof van Busleyden

Lo splendore del municipio e l'arte contemporanea

La leggendaria Grand Place di Bruxelles è solo uno dei tesori del patrimonio culturale nella capitale. L'attrazione che toglie il fiato è sicuramente il sontuoso municipio gotico con la sua torre monumentale degli inizi del XV secolo. Accanto a questo prezioso esempio di architettura altri edifici mostrano la maestria di progettisti e costruttori. Gli elementi dorati e decorativi fanno splendere al sole i palazzi delle gilde lasciando i visitatori a bocca aperta.

Bruxelles è il perfetto esempio di città in cui “storico” si affianca al “contemporaneo”. Kanal, il nuovo museo per l’arte contemporanea, testimonia questo intrigante binomio. Inaugurato di recente, il museo si trova in un’ex autofficina modernista e presto ospiterà la sede di Bruxelles del famoso Centre Pompidou. Per ora vengono allestite solo mostre temporanee, ma ben presto questa struttura dedicata all’arte esporrà una propria collezione di arte contemporanea. Ti consigliamo in ogni caso di visitare Kanal, anche solo per la sua insolita architettura.

Brussels - Grand' Place (Grote Markt)

Nelle Fiandre si vede, si sente e si assapora la storia plurisecolare e allo stesso tempo si costruisce il patrimonio culturale del futuro. Scopri già oggi questi due aspetti visitando le splendide città d’arte fiamminghe di Anversa, Bruges, Bruxelles, Gent, Lovanio e Mechelen.

Back to top