Cari amici delle Fiandre,

il perdurare della situazione dovuta al COVID-19 impone che anche in Belgio siano in vigore delle misure di contenimento.
Potete trovare le relative informazioni dettagliate  sul sito del governo federale belga.   

Se state programmando un viaggio nelle Fiandre, a Bruxelles o altrove in Belgio per una durata di 48 ore o più, siete tenuti a compilare un “Passenger Locator Form” nelle 48 ore precedenti al vostro arrivo in Belgio.

Siete altresì pregati di far riferimento ai vostri rispettivi tour operator e alle direttive italiane. Consigliamo di consultare anche la sezione relativa al Belgio del sito Viaggiare Sicuri (servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina).

Un caro saluto da tutti noi di VISITFLANDERS

48 ore a Gent

C’è davvero tanto da vedere a Gent. La città vanta 1000 anni di storia, l’a vivacità di una città studentesca, la birra artigianale Kwak che dovrai bere senza scarpe e un’abbondanza di capolavori artistici, tra cui il Polittico dell'Angello Mistico, maestoso dipinto dei fratelli Van Eyck. Gent, inoltre, viene chiamata la "città delle luci": di sera l'atmosfera è davvero suggestiva con gli antichi edifici illuminati che si specchiano nell'acqua, nell'ultimo paragrafo scoprirai perchè è così speciale.

L’unica domanda è: dove iniziare? Seguici, saremo la tua guida. In solo 48 ore a Gent, scoprirai tutti i tesori che questa superba città ha da offrirti.

Primo giorno

Mattinata al museo

L’MSK, il Museo di Belle Arti, è vicino alla stazione e per raggiungerlo ti godrai una bellissima passeggiata nel parco. É uno dei più antichi musei in Belgio e la collezione permanente spazia dal Medio Evo al XX secolo. Potrai vedere opere, tra gli altri, di Hieronymus Bosch, Peter Paul Rubens, Théodore Géricault e Magritte. Per fare un salto in avanti nel tempo, a due passi trovi lo SMAK, il Museo Civico d’Arte Contemporanea, che si concentra su opere internazionali e nazionali che hanno scosso il mondo artistico dopo il 1945. Potrai vedere esposti moltissimi artisti, da Andy Warhol a Francis Bacon a Panamarenko e Karel Appel, oltre ad un’abbondanza di mostre temporanee.

Museo MSK di Gent (c)Visit Gent

Le tre torri, lo shopping e l’Agnello Mistico

Dopo l’MSK non puoi farti mancare una visita alla Cattedrale di San Bavone - Sint-Baafs che ospita il capolavoro dei fratelli Van Eyck, il "Polittico dell’Agnello Mistico". Fresco di restauro, è tornato nella cattedrale, sua sede originaria, in una nuova collocazione dove potersi mostrare agli spettatori in tutto il suo splendore. Quest’opera unica nel suo genere, conosciuta anche come Polittico di Gent, fu dipinta nel 1432 ed è un complesso tour de force pittorico, di grandi dimensioni, considerato uno dei maggiori tesori artistici al mondo. Rappresenta un notevole passo avanti nella rappresentazione artistica della figura umana e della natura. Forse fu proprio questa innovazione a rendere l’Agnello Mistico così popolare tra i ladri: è l’opera d’arte più rubata della storia, citata anche dai politici nelle loro campagne, in cui si rinnova l’impegno a recuperare la sezione mancante, sottratta nel 1934. Ad arricchire la visita, sempre nella cattedrale, ha inaugurato nel 2021 il nuovissimo Visitor Centre dove potrai viaggiare nel passato e nella storia dell'opera attraverso la realtà virtuale. 


Ovviamente, l’Agnello Mistico e il nuovo Visitor Centre non sono la sola buona ragione per visitare la Cattedrale di San Bavone - Sint-Baafs. La sua architettura gotica è affascinante: la cripta risale all’anno 942, il resto della costruzione viene aggiunto nei secoli successivi, attraversando tutto il Medio Evo. L’enorme torre compete con quella di Belfort e della Chiesa di San Nicola, dominando il paesaggio circostante. Ammirale tutte e tre mentre ti dirigi verso la piazza, Korenmarkt. Questa piazza storica è il luogo ideale per passeggiare tra alta moda, shopping, ristoranti, bar, e una cornice di caratteristiche casette. 


Mentre ti trovi nei paraggi, se ti consideri un vero goloso non puoi non assaggiare i cuberdon. È un tipo di caramella indissolubilmente legata alla regione che troverai nelle piccole bancarelle sparse per la città. Slurp!

Belfort di Gent - torre

Rilassati con un buon libro, o due...

Sappiamo che, con tutte queste attività, sarà una giornata piena. Per questo abbiamo pensato per te un pomeriggio di puro relax. Che ne dici di rilassarti con un buon libro? A Gent ci sono moltissime librerie che meritano una visita. E, per riposare un po' e goderti la lettura, non esiste posto migliore della Boekentoren. Questo monumento architettonico, che fa parte dell’Università di Gent, ospita tre milioni di libri (abbastanza per soddisfare anche il topo di biblioteca più esigente), in un ambiente meraviglioso, ricco di suggestioni.

Al contrario, la De Krook, un gioiello di architettura moderna, non ha nulla del classico aspetto di una biblioteca pubblica. È molto di più: offre laboratori, gruppi di lettura, dibattiti filosofici, festival cinematografici, concerti e mostre sulla musica e sulla tecnologia. È anche un ottimo luogo di incontro e il posto ideale per osservare le persone.

De Krook, la nuova biblioteca di Gent (c)Michiel De vijver

La città della musica

Le sere di Gent sono davvero speciali. Dopo tutto, Gent è una delle cinque città al mondo riconosciute dall’UNESCO come “Città della musica”. Grazie alla sua incredibile varietà di concerti, potrai deliziare le orecchie con il tuo genere musicale preferito, dall’opera al jazz. Se la tua visita coincide con i dieci giorni del Feste di Gent, che si tiengono ogni estate, avrai l’imbarazzo della scelta tra tantissimi concerti musicali, bancarelle gastronomiche e artisti di strada.

In ogni caso, non temere: la città ha una vivace vita notturna in qualsiasi periodo dell’anno. Visita le piazze Oude Beestenmarkt, Vlasmarkt o Vrijdagmarkt e immergiti nell’atmosfera di uno dei tanti caffè.

Festival di Gent (c)Stad Gent

Secondo giorno

Un inizio da sogno per un giorno perfetto

Anche se è già mattina, penserai di stare ancora sognando quando scoprirai le opere de la casa di Alijn. Si definisce “Il museo delle cose che (non) passano” e ospita un’affascinante collezione di oggetti di uso quotidiano del XX secolo, molti dei quali ormai obsoleti e, molto spesso, quasi surreali. Questo museo può suscitare sentimenti di nostalgia...o di assoluta incredulità. Aspetta di vedere gli arredamenti e la carta da parati degli anni ‘70!

Panorama dal Museo Alijn

Il Castello dei conti

Gravensteen, il castello dei conti di Fiandra, è un'importante testimonianza storica e motivo di orgoglio per gli abitanti di Gent. Ispirato ai castelli dei crociati che il Conte Filippo d'Alsazia scoprì durante la sua campagna all’estero, fu per centinaia di anni la sede dei Conti di Fiandra, quindi un tribunale e, più recentemente, un carcere. Le opere in mostra presso il castello riflettono la sua storia variegata. Qui potrai ammirare le armature dei cavalieri, le armi e, naturalmente, la sala delle torture. Dai bastioni del castello, potrai godere di una splendida vista sulla città.

Castello dei Conti - Gravensteen - Gent

Il Patershol è un quartiere medievale che circonda Gravensteen. Questo luogo pittoresco è perfetto per una passeggiata, si respira un certo non so che bohemien nell’aria. Potrai ammirare architetture molto interessanti e scoprirai alcuni ristoranti e caffè di pregio dove potrai riposare le gambe e fare un meritato spuntino. Ti stai chiedendo cosa assaggiare? Ti consigliamo il waterzooi di Gent, uno stufato generalmente a base di pollo o pesce con diverse verdure. Ogni ristorante propone la sua versione della ricetta: assaggia questo piatto in più di un locale e scopri tutte le varianti.

Devi sapere che il giovedì a Gent è un “Veggie Day”, una giornata in cui quasi tutta la città mangia piatti vegetariani. Ti chiederai come sia possibile. Semplice, ovunque tu vada, il menu include alcuni piatti vegetariani straordinariamente gustosi. Greenway e Tasty World sono tra i ristoranti vegetariani più rinomati, mentre Vrijmoed e OAK includono nei loro menu anche piatti di carne.

Col mangiare pensiamo anche al bere: cosa se non una buona birra belga? Fai un salto da De Dulle Griet dopo mangiato. Questo locale è un must per gli amanti della birra e offre un’esperienza eccezionale. Oltre alle birre della casa, le Dulle Griet, potrai ordinare la Max van het Huis. Questa birra viene servita nel tradizionale bicchiere detto “cavaliere” che, per la forma particolare, non sta in piedi da solo. Come assicurazione per il bicchiere dovrai consegnare una delle tue scarpe: le calzature dei clienti vengono messe in un cesto e appese al soffitto! Vedrai, sarà un’esperienza unica!

Quartiere Patershol a Gent (c) Stad Gent

Museo del Design

Il Museo del Design è favoloso. Ospita una collezione di più di 20 000 oggetti: potrai ammirare tavoli fatti di libri, biciclette, giocattoli ma anche altri cimeli storici come vagoni di treno d’epoca.

Dopo il museo, è tempo di tornare a Korenmarkt. Segui i canali, ti indicheranno la strada per raggiungere la piazza. Tieni gli occhi aperti, però: la tua prossima avventura è un giro in barca sul fiume Leie. Questo non è solo un ottimo modo per vedere e conoscere meglio la città, ti aiuterà anche a capire l'impatto dei corsi d’acqua sulla città, dall'architettura alla cultura, all'identità. Se invece preferisci rimanere sulla terraferma, fai una passeggiata lungo i canali per goderti la splendida architettura e i secoli di storia che hanno plasmato la città.

Design Museum di Gent Maarten Van Severen en Co (c) Anthony De Meyere

L’atmosfera della sera

Quando si fa sera, Gent dà il meglio di sé. La città ha studiato appositamente un piano di illuminazione per mettere in risalto le antiche facciate medievali, creando una atmosfera magica lungo le rive dei canali e tra gli scorci del centro. Il piano di illuminazione, sostenibile oltre che altamente artistico, è stato premiato a livello internazionale e potrai passeggiare lungo il percorso della light walk per goderti tutte le sfumature. E non solo: ogni tre anni la città si riempie delle installazioni luminose di numerosi artisti internazionali, durante le giornate del Gent Light Festival. Un'occasione davvero speciale per visitare la città!


Hai voglia di divertirti? Allora vai al Vooruit . Questo iconico complesso ospita un’incredibile varietà di mostre e spettacoli artistici: vale sicuramente la pena dare un’occhiata per vedere cosa c’è in programma. Se non ti ispira nulla, puoi tornare a goderti l'atmosfera rilassata e particolare del Vooruit Café. È uno dei locali preferiti dagli studenti della vicina università e sarà la conclusione perfetta per il tuo rapido tour di questa vivace città d'arte.

E adesso che le tue 48 ore a Gent sono finite? Una città come Gent è in continua evoluzione: un motivo in più per iniziare a pensare a tutto ciò che potrai scoprire durante la tua prossima visita.

Bas Bogaerts© Stad Gent-Dienst Toerisme.png
Torna in cima